Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A febbraio in Kenya il Forum sull’aiuto e lo sviluppo internazionale

ROMA - Piu' di 300 tra rappresentanti di istituzioni politiche, agenzie umanitarie e delle Nazioni Unite, banche di sviluppo, ong
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Piu’ di 300 tra rappresentanti di istituzioni politiche, agenzie umanitarie e delle Nazioni Unite, banche di sviluppo, ong e sviluppatori tecnologici sono attesi al terzo Summit africano del Forum sull’aiuto e lo sviluppo internazionale. L’incontro e’ previsto a Nairobi, in Kenya, tra il 27 e il 28 febbraio di quest’anno. Per gli organizzatori, si tratta della conferenza sugli aiuti allo sviluppo “piu’ influente” del continente africano. L’edizione di quest’anno, i cui sponsor principali sono aziende del settore biomedicale, mira a “fornire un aggiornamento sui programmi e le collaborazioni sanitarie regionali, nonche’ sulle innovazioni e le buone pratiche nella prevenzione delle malattie”.

Tra i partecipanti gia’ confermati figurano esponenti della Banca Mondiale, dell’agenzia Onu per l’infanzia Unicef, dell’Organizzazione internazionale delle Migrazioni

“Relatori ed esperti esamineranno i modi per sfruttare l’innovazione locale e coinvolgere le parti interessate al fine di consentire l’accesso a servizi sanitari fondamentali per l’Africa Orientale” si legge sul sito del Forum.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»