Niente Messa di Natale a mezzanotte? A Genova la benedizione è in diretta su Youtube

L'iniziativa è di don Valentino Porcile, sacerdote genovese molto attivo sui social network e parroco della Santissima Annunziata di Sturla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “A mezzanotte sai che io ti pensero’…canta una canzone storica. A mezzanotte suonero’ le campane a festa, a mezzanotte, in una chiesa vuota, scendero’ davanti al presepe, a mezzanotte saro’ sul piazzale della chiesa a dare la benedizione della notte di Natale. A mezzanotte, faro’ un gesto particolare per questo Natale cosi’ segnato da tutto questo. In collegamento su Youtube, chi vorra’, ci uniremo“. E’ l’iniziativa lanciata da don Valentino Porcile, sacerdote genovese molto attivo sui social network e parroco della Santissima Annunziata di Sturla. 

LEGGI ANCHE: Polemiche sulla Messa della Vigilia, Salvini: “Far nascere Gesù bambino due ore prima? Non rubate il Natale ai bambini”

“La messa di Natale sara’ anticipata di orario. Ma mezzanotte rimane mezzanotte- scrive don Valentino- rimaniamo uniti, sereni, di fronte a tutto questo. Radicati e fermi nelle nostre tradizioni, nella fede che abbiamo nel cuore. Nelle abitudini che vengono modificate per causa di forza maggiore. Ma che non cambiano la nostra fede interiore, anzi, la rendono ancora piu’ forte, radicata, convinta. Nelle abitudini che vengono modificate per causa di forza maggiore. Ma che non cambiano la nostra fede interiore, anzi, la rendono ancora piu’ forte, radicata, convi. A mezzanotte saremo a casa. A mezzanotte saremo uniti, piu’ che mai”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»