Trump: “Abbiamo vinto, ma ci sono brogli. Pronti ad andare alla Corte Suprema”

Il presidente uscente si dichiara vincitore annunciando la vittoria in Nord Carolina, Georgia e Pennsylvania, dove lo spoglio è ancora in corso
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “E’ un imbroglio, una frode: ci preparavamo a vincere e lo abbiamo fatto. Il nostro obiettivo adesso e’ assicurarci che le elezioni siano integre. Momento importantissimo. Quindi ci rivolgeremo alla Corte suprema: vogliamo che tutti i voti finiscano, non vogliano che trovino schede alle 4 del mattino aggiunte all’ultimo. È un momento molto triste per quanto mi riguarda. Ma noi abbiamo gia’ vinto, ringrazio tutti i miei sostenitori e chi ha lavorato con noi”. Lo ha detto Donald Trump, nel suo primo discorso dopo la chiusura dei seggi negli Stati Uniti.

“Che succede ora alle elezioni?” ha continuato il presidente uscente. “Sanno che non potevano vincere e quindi hanno detto ‘andiamo in tribunale’. Lo avevo detto io dal giorno stesso in cui sono stati mandate decine di milioni di schede per posta. E’ un imbroglio, una frode per gli americani“.

Il presidente uscente, inoltre, ha annunciato la vittoria in stati decisivi. come la Georgia, il Nord Carolina e la Pennsylvania.

LEGGI ANCHE: Usa 2020, la battaglia è aperta: l’America appesa al voto postale, slittano i risultati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»