NEWS:

In piazza contro il caro-bollette, corteo di cittadini e imprese nel Palermitano

Manifestazione a Bagheria

Pubblicato:04-10-2022 18:35
Ultimo aggiornamento:04-10-2022 18:35
Autore:

FacebookLinkedIn

PALERMO – Tre cittadine della provincia di Palermo in piazza con i rispettivi sindaci per dire ‘no’ al caro-energia. la manifestazione si è tenuta a Bagheria, importante centro a est del capoluogo siciliano. Il corteo è partito in mattinata dal passaggio a livello di Bagheria e ha percorso, in ordine e pacificamente, tutto corso Butera fino a villa Butera, sede del Comune. Presenti il sindaco di Bagheria, Filippo Maria Tripoli, con i colleghi di Altavilla Milicia, Pino Virga, e Castelbuono, Mario Cicero.

IMPRENDITORI, COMMERCIANTI E CITTADINI UNITI NELLA PROTESTA

I commercianti hanno simbolicamente consegnato le bollette raddoppiate e triplicate al sindaco di Bagheria, che si fa portavoce dei disagi per una situazione economica che sta diventando sempre più insostenibile, con la scure della chiusura delle attività alle porte. Tra le sigle presenti al corteo la Confcommercio, la Cna, una delegazione delle Piccole botteghe di Palermo, i commercianti di Ustica e Confartigianato.

“CAMPANELLO D’ALLARME CHE NON DEVE RESTARE INASCOLTATO”

“La situazione ci coinvolge tutti – ha spiegato Tripoli -. C’è un problema di gas, metano, luce medicine e materie prime, i costi aumentano e aumentano per tutti”. E rivolgendosi ai manifestanti, Tripoli ha aggiunto: “Rappresenteremo presso le istituzioni, con forza e determinazione, le vostre istanze ed il vostro disagio coinvolgendo tutti i parlamentari regionali e nazionali, affinché questo campanello d’allarme non rimanga inascoltato”. La manifestazione si è chiusa con una riunione alla quale ha partecipato una delegazione delle realtà economiche e dei commercianti partecipanti all’iniziativa ed è stato redatto un documento. “Questa manifestazione non è solo una manifestazione di Bagheria – ha concluso Tripoli -, è una manifestazione di tutta l’Italia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn