Nuovi boschi sulle Ande per attirare le piogge: ecco il piano del Perù

Ecco il 'Piano Serra Azul' per proteggere l'ecosistema delle Ande dal cambiamento climatico, creare sviluppo e rilanciare la creazione di posti di lavoro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – La protezione e rimboschimento degli altipiani delle Ande è una priorità del governo del Perù, come dimostra il nuovo piano ‘Sierra Azul’, Sierra azzurra. Lo ha annunciato il presidente Pedro Pablo, intervenendo alla 6a edizione dell’Energy Day International Congress.

Il piano punta a ripopolare di alberi le foreste degli altipiani andini, un progetto “che ha a che fare più con il clima, che con la produzione di legno”. La speranza, ha aggiunto il presidente, è di “attirare maggiori piogge”.

Lo sviluppo energetico, tema centrale dell’evento, è strettamente connesso all’ambiente: ecco perché è stato scelto questo contesto per presentare il piano, come ha concluso Kuczynski.

Il Piano Sierra Azul, che prevede un fondo di 400 milioni di sol (poco più di 100 milioni di euro), vuole creare sviluppo e rilanciare la creazione di posti di lavoro, proprio puntando sul contrasto della siccità.

La Cordigliera delle Ande attraversa buona parte dell’America Latina: Venezuela, Colombia, Ecuador, Bolivia, Argentina, Cile e naturalmente Perù. Quest’ultimo – come molti dei suoi vicini – ha sopportato una dura siccità, preceduta o seguita in alcuni casi da forti piogge e inondazioni, risultato di un peggioramento del fenomeno metereologico del Nino.

A risentirne di più i raccolti, gli allevamenti e, come nel caso del Cile, la produzione di vino, famosa in tutto il mondo. Gli effetti più drammatici sono però quelli sull’enorme patrimonio di flora e fauna delle aree forestali che crescono ai bordi della Cordigliera, che come in un circolo vizioso, se danneggiato produce a sua volta effetti negativi sul clima. E secondo gli esperti, la scarsità di piogge o le violente inondazioni sono in parte da attribuirsi al riscaldamento globale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»