Ancora minacce a Don Biancalani, ecco la lettera dei neonazisti: “Caro pretaccio di m….”

Don Biancalani, il prete che accoglie i migranti, ancora nel mirino degli estremisti: 'Niente pietà, vi ammazzeremo tutti scarafaggi'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – “Caro pretaccio di m…., tu e tutti i tuoi amici sinistrorsi ci avete rotto i co……”. E’ questo l’incipit della lettera di minacce, l’ennesima, ricevuta da Don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro a Pistoia, già salito all’onore della cronaca per l’aggressione subita dai militanti di Forza Nuova per aver postato sul suo profilo facebook le foto dei migranti che accoglie in gita in piscina.

LEGGI ANCHE: ‘Minacce’ di Forza Nuova a Don Biancalani per la messa. Lui: “Celebro io con il vicario”

Ieri, l’ennesima intimidazione ricevuta via posta: un volantino dattiloscritto e non firmato, pieno di insulti e minacce. Il parroco lo ha postato su Facebook, prima di essere bloccato dal social network: : “Non ho presentato alcun esposto in questura forse lo farò nei prossimi giorni ma penso che abbia valore una denuncia pubblica online. Ne ho già ricevuti una quindicina di queste lettere a sfondo fascista o con linguaggio sessista. Non ho paura per me ma per i ragazzi che ospito. Sono preoccupato per loro”.


ECCO IL TESTO COMPLETO DELLA LETTERA

Dillo anche al capo tuo gesuita, adesso basta. Non permetterti mai più di fare una cosa del genere, basta con gli stranieri.

Noi non li vogliamo gli islamisti, che se ne stiano a casa loro. Non vogliamo integrazione, non vogliamo il multiculturalismo, se a te piace vattene a fare in c*** a casa loro.

Voi dovete lavorare per noi cattolici, non per i barbari stranieri di m****.

Fra poco inizierà la TERZA GUERRA MONDIALE, o state dalla Nostra parte se siete dei veri italiani e cattolici altrimenti vi sterminiamo anche a tutti voi.

Il Vaticano è una feccia piena di criminali, pedofili, pervertiti, maiali, ladri ed assassini, quindi non fate finta di non essere quello che non siete.

Se vuoi fare del bene vattene a fare in c*** in un altro paese e poi vedi. Vai in Africa, Nigeria, Chad, Somalia, Mali, in meno di una settimana ti fanno fuori.

SONO DEGLI ANIMALI LORO

Smettetela con l’ipocrisia dei poveri immigrati vittime e con la str****** dell’Islam come religione di pace. L’Islam è il cancro.

Sono assassini che vogliono ucciderci tutti e schiavizzare tutti sotto la più brutale Sharia portando il mondo 2000 anni indietro.

Smettila altrimenti prima del dovuto veniamo lì e ti tagliamo le pa*** pretaccio di me*** filo islamista.

 

 

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»