Calcio, Mattarella alle ragazze della Nazionale: “Avete vinto il Mondiale in Italia”

Le Azzurre della Nazionale femminile di calcio reduci dal Mondiale in Francia sono state ricevute questa mattina al Quirinale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non sappiamo chi vincerà il Mondiale tra Olanda e Stati Uniti, ma voi avete vinto il Mondiale in Italia perché avete conquistato i riflettori“. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, rivolto alle Azzurre della Nazionale femminile di calcio reduci dal Mondiale in Francia, ricevute questa mattina al Quirinale.

“Non tocca a me stabilire le forme in cui si decide il calcio, però non è razionale e non è accettabile una diversa condizione tra calcio femminile e maschile. Al di là dell’elevato tasso tecnico, da parte vostra è stato molto minore il ricorso agli infingimenti, alle soluzioni che non sono sportive. Complimenti per tutto questo”, ha proseguito il presidente della Repubblica.

“Lo sport è importante per la sfida sociale e per i simboli– ha aggiunto Mattarella- Voi avete spinto tantissime bambine a iscriversi alle scuole calcio. Sono molto grato per quello che avete fatto e complimenti per il futuro”.

Il capo dello Stato ha raccontato di non aver potuto guardare tutte le partite disputate dalle calciatrici nel Mondiale in Francia. “Ne ho viste diverse, come quella con l’Australia. Non ho potuto vedere quella con l’Olanda (che ha eliminato la Nazionale ai Quarti, ndr) ma forse è stato meglio così”, ha detto con un sorriso.

MALAGÒ A NAZIONALE FEMMINILE: SCUSATE IL RITARDO

“Scusate il ritardo, ma è meraviglioso quello che state facendo per il Paese e ne siamo molto orgogliosi”, aggiunge il presidente del Coni, Giovanni Malagò.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»