Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Avorio, gli Stati Uniti mettono al bando l’orribile commercio

ROMA – Finalmente in materia di ambiente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

avorio elefanti

ROMA – Finalmente in materia di ambiente e animali è possibile dare una bella notizia. È la messa al bando, da parte degli Stati Uniti, di tutti i manufatti d’avorio e di conseguenza del commercio a qualunque titolo di manufatti realizzati con le zanne di elefante. Un colpo durissimo, quindi, alla piaga del bracconaggio.

L’annuncio ufficiale, che precede la Giornata mondiale dell’ambiente, il prossimo 5 giugno, e che l’Onu quest’anno dedica alla lotta contro il commercio illegale di specie protette, è stato dato dalla Fish and Wildlife Service, l’agenzia statunitense del dipartimento degli interni dedicata alla fauna selvatica.

elefanti

Nello specifico, spiega l’agenzia, sono vietate importazioni, esportazioni e commercio di tutti gli oggetti in avorio di nuova fabbricazione. Ammessi solo quelli con oltre cento anni di età e quelli che presentano avorio in una piccolissima percentuale, come ad esempio, gli strumenti musicali, ma non proveniente da azioni di bracconaggio. “L’audace azione di oggi è un impegno degli Usa a porre fine alla piaga del bracconaggio degli elefanti e al tragico impatto che sta avendo su tutte le popolazioni selvatiche“, ha detto il segretario degli interni, Sally Jewell.

L’auspicio ora è che altri Paesi, sostenuti anche dall’Onu, seguano le orme degli Stati Uniti e le politiche in tal senso intraprese dal presidente Barack Obama. L’inquilino della Casa Bianca aveva lanciato la lotta per la salvaguardia delle specie selvatiche già nel 2013.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»