NEWS:

Europa, Salvini contro gli ‘inciuci’ avvisa il centrodestra: “Chi preferisce la sinistra alla Lega commette un errore incredibile”

Il leader della Lega oggi è a Firenze per partecipare alla convention di Identità e democrazia

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

FIRENZE – “Leggevo l’intervista di oggi a Gentiloni che già prepara il rinnovo dell’inciucio popolari-socialisti. Oggi presentiamo agli italiani e a tutti gli europei un’idea diversa di Europa dove non si discute del rientro del deficit, del debito, ma di lavoro, benessere, diritto a salute e casa. L’Europa dei diritti contro l’Europa dei tagli, dei Soros”. È quanto dichiara a Firenze il leader della Lega, Matteo Salvini, a margine della convention di Identità e democrazia in corso alla Fortezza da Basso. “Se qualcuno vuole preferire a inciuciare coi socialisti lo faccia, non posso mica impedirglielo“, aggiunge.

UE. SALVINI: PPE? ERRORE INCREDIBILE DA CHI PREFERISCE SINISTRA A LEGA

In merito ai veti di esponenti del Ppe a una possibile alleanza, nella prossima legislatura a Strasburgo, con i gruppi dell’eurodestra, Salvini ha spiegato: “Chi nel centrodestra preferisce la sinistra alla Lega e ai suoi alleati in Europa commette un errore incredibile perché questa Europa con la sinistra al governo è quella dei tagli alla salute, alla scuola, è quella dell’immigrazione incontrollata, dello strizzare l’occhio a un fanatismo islamico che anche ieri ha fatto una vittima nel cuore dell’Europa. Mi dispiacerebbe che qualcuno di centrodestra preferisse la sinistra ad alleati di centrodestra”. A chi gli fa notare che pure il leader di Forza Italia, Antonio Tajani, condivide questa preclusione Salvini obietta: “Sbaglia, chi sceglierà la Lega alle Europee sceglie l’alternativa alla sinistra, a Macron e ai comunisti. La Lega non governerà mai con i socialisti. Faccio un invito al centrodestra unito in Italia a essere unito in Europa– prosegue- poi non posso imporre niente controvoglia a nessuno”.

UE. SALVINI: POSSIBILE SENZA GUIDA SOCIALISTA, ALTERNATIVA A VON DER LEYEN

“È una bellissima giornata, una di quelle giornate che possono fare la storia perché per la prima volta nella storia delle istituzioni europee un’altra Europa è possibile, senza guida socialista, senza guida di sinistra, con il centrodestra, che sta governando l’Italia, alla guida dell’Europa”, ha detto il leader della Lega. “Metteremo giù la nostra idea di Europa, non contro qualcuno- aggiunge- un’Europa fondata sul lavoro, non sull’auto elettrica imposta a ogni costo o sulla tassa sulla casa per favorire la potenza cinese magari, ma che mette al centro il lavoro, il controllo dei confini, la sicurezza, la difesa dei lavori, un’idea di famiglia ben chiara e soprattutto un’idea di futuro, ambiente, giovani, diverso da quello rabbioso e aggressivo di una sinistra che pretende, ad esempio, che qualcuno possa andare a visitare i musei e un altro no. C’è un’idea positiva, sorridente, pacifica democratica, ma totalmente diversa rispetto a quella di Von der Leyen, Lagarde, Soros, dei banchieri, dei finanzieri”.

UE. SALVINI: GOVERNO DURERÀ FINO AL 2027, MA NON PERDERE OCCASIONE

Ai cronisti che gli chiedono se le divisioni in Europa del centrodestra non rappresentino un rischio per la tenuta del governo Meloni, Salvini è chiaro: “Il governo italiano arriva al 2027, per quello che mi riguarda. Non c’è in discussione il fatto che, in maniera rivoluzionaria e in applicazione della democrazia, il governo che gli italiani hanno scelto l’anno scorso, con questa maggioranza, governi per tutti e questi 5 anni”. E ancora: “Da ministro delle Infrastrutture mi sto dando un obiettivo decennale- prosegue- perché nel 2032 l’Italia cambierà completamente volto. Il governo italiano non è assolutamente in discussione, sarebbe un’occasione persa non cambiare l’Europa e continuare a fare quello che si è fatto per decenni con una guida socialista, perché è sotto la vista di tutti”.

UE. SALVINI: CI AVEVANO DATI PER FINITI, MA SAREMO TERZA FORZA POLITICA

“Cos’è cambiato in questi anni? Siamo cresciuti, siamo maturati. Abbiamo qualche anno di esperienza e, per quello che mi riguarda, anche di governo in più alle spalle. Qualche anno fa ci avevano dato per finiti, siamo qua in buona forma. I dati e i sondaggi ci dicono che siamo addirittura la quarta forza politica in Parlamento europeo, non ci accontentiamo”, spiega il ministro. “Contiamo di essere almeno la terza forza politica– prosegue Salvini- di essere determinanti per i Popolari perché poi il centrodestra scelga fra l’inciucio con la sinistra e un governo europeo di centrodestra. Metteremo a disposizione proposte, idee, voti e poi viva la libertà di scelta”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail