Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico, edizione del 3 dicembre 2019

A cura della redazone politica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TENSIONI NEL GOVERNO, M5S: NOI AGO DELLA BILANCIA

Il governo ‘Conte due’ alla prova degli alleati. All’indomani dell’informativa del premier in Parlamento il Movimento Cinque Stelle chiede significative modifiche alla riforma del meccanismo di stabilita’. Lo fa Di Maio, con un post subito condiviso da Alessandro Di Battista. “Concordo, cosi’ non conviene”, e’ il commento dell’ex deputato a riprova del fatto che Di Maio e Di Battista fanno ormai fronte comune. Ma il governo deve vedersela anche con le pretese dei renziani, che chiedono modifiche alla legge di bilancio e al decreto fiscale. Al Senato i 17 senatori di Italia viva sono decisivi.

SPERANZA: IPOTESI TICKET SU REDDITO FAMILIARE

Rimodulazione del ticket sanitario sulla base del reddito familiare. Dopo aver abolito il superticket, il governo pensa anche di modificare il ticket. A dirlo il ministro della Salute Roberto Speranza intervenuto ad un convegno sul welfare della Cna Pensionati. Sulla salute “serve un Patto sociale e politico- avverte Speranza- basta bandierine su un tema così fondamentale”. Dalla loro parte i pensionati chiedono garanzia dell’accesso universale ad una sanità di qualità e certezze di un reddito pensionistico dignitoso.

PIU’ TEMPO PER ALLATTARE, LA PROPOSTA DEL GOVERNO

Portare da due a quattro le ore per l’allattamento. Il governo vuole raddoppiare il periodo di astensione dal lavoro concesso alle mamme per favorire l’allattamento al seno. Il vice ministro della Salute Pierpaolo Sileri appoggia la proposta presentata dal senatore pentastellato Raffaele Mautone. L’esecutivo, spiega Sileri, vuole “favorire l’allattamento al seno ma anche aiutare le madri che devono ricorrere al latte artificiale con un bonus che inseriremo nella manovra finanziaria”.

SOSTEGNO BIPARTISAN ALLA TAZZINA PATRIMONIO DELL’UMANITA’

Il caffè unisce l’Italia e la politica. Arriva il sostegno bipartisan per la richiesta all’Unesco di riconoscere la bevanda più bevuta al mondo, dopo l’acqua, come patrimonio dell’umanità. La battaglia arriva alla Camera dove incassa il sostegno di tutte le forze politiche. L’espresso italiano si distingue per la crema e per la macinatura al momento, il 95% degli italiani lo beve abitualmente.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»