fbpx

VIDEO | Test di medicina alla Sapienza di Roma: per i candidati lo scoglio è la cultura generale

ROMA – Quale Paese non fa parte dell’Unione europea tra quelli che erano indicati, a quanti anni si può essere eletti al Senato, chi ha scritto ‘Assassinio sull’Orient Express’. E ancora, chi era Maria Montessori e dettagli sulla vita di Leonardo da Vinci. Sono solo alcune delle domande di cultura generale del test di accesso alla facoltà di Medicina e Chirurgia e Odontoiatria che si è tenuto alla Sapienza di Roma, considerate il vero scoglio dai partecipanti

Tra le novità della prova di quest’anno, infatti, vi era proprio il potenziamento dei quiz di cultura generale (12 in totale e 10 di ‘logica’), accolti con un po’ di scetticismo dai candidati. Il coro all’uscita è stato quindi unanime: “Bene fisica, matematica, biologia e chimica“, hanno detto i ragazzi, ma “troppo specifiche le domande di cultura generale”, tanto che in parecchi hanno preferito lasciarle in bianco per non perdere punti preziosi per il risultato finale. 

Bisognava sapere davvero un sacco di cose– hanno spiegato- molti di noi avevano fatto le superiori ormai anni fa, quindi alcune nozioni di base le avevamo perse”. “Io per esempio- ha spiegato un concorsista- sono stato costretto a fare il test per entrare al terzo anno avendo fatto i primi due anni all’università de L’Aquila. In generale, comunque, tutti ci aspettavamo che queste domande fossero uno scoglio difficile da superare”. 

Secondo un altro candidato invece “è indubbio che gli argomenti di cultura generale dovrebbero fare parte del bagaglio di ogni individuo” tuttavia, “qualcosa di più vicino alla disciplina di competenza sarebbe stato più indicato”. Anche se, ha concluso qualcuno, “si è trattato comunque di domande semplici, a tratti intuitive, e che riguardano la nostra vita di tutti i giorni”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

3 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»