Nord Corea, Alfano: “Pyongyang smetta di sfidare la comunità internazionale, è minaccia alla pace”

Condanna dell'Italia per il test nucleare effettuato stanotte dalla Repubblica Democratica Popolare di Corea
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Italia esprime la più risoluta e inequivocabile condanna per il test nucleare effettuato stanotte dalla Repubblica Democratica Popolare di Corea, che rappresenta l’ennesima chiara violazione di molteplici Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite”. Lo ha affermato il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano. “L’Italia manifesta la propria solidarietà ai Paesi della Regione per le conseguenze del comportamento irresponsabile di Pyongyang”, ha aggiunto.

“L’avanzamento del programma nucleare e missilistico nordcoreano rappresenta una seria e crescente minaccia al regime di non proliferazione globale, nonché alla pace e alla sicurezza internazionali. La Repubblica Democratica Popolare di Corea e’ l’unico Paese ad avere violato nel XXI secolo la moratoria internazionale sui test nucleari. Il sesto test nucleare svolto da Pyongyang pone in luce una volta di piu’ la necessita’ di un’urgente entrata in vigore del Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari”, ha chiarito il ministro Alfano.

“La Repubblica Democratica Popolare di Corea deve immediatamente abbandonare lo sviluppo del proprio programma nucleare e missilistico e desistere dal crescente percorso di autoisolamento e di sfida alla comunita’ internazionale. L’Italia continuerà a fare la sua parte per una risposta ferma e coesa di quest’ultima”. Così ha concluso il titolare della Farnesina.

LEGGI ANCHE:

Corea del Nord, nuovo test nucleare potentissimo. L’annuncio: E’ bomba a idrogeno. Trump: Minaccia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»