De Luca: “Dare impulso all’aerospaziale per investimenti, lavoro e turismo”

La tutela dell'eccellenza aerospaziale campana al centro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

vincenzo de lucaLa tutela dell’eccellenza aerospaziale campana al centro dell’incontro fra Vincenzo De Luca e Luigi Carrino, presidente del Centro Internazionale Ricerche Aerospaziali e del Distretto Aerospaziale della Campania.

Per il neopresidente regionale, si tratta di dare impulso “a ricerca d’avanguardia e produzioni d’eccellenza, in uno degli ambiti più importanti della competizione globale“, per cogliere “un’occasione d’investimenti e lavoro”.

Tra i progetti nel medio termine, De Luca e Carrino hanno poi ipotizzato la realizzazione di un Parco Aerospaziale in un’area che si trova non lontano dalla Reggia di Caserta. Il Parco avrebbe caratteristiche espositive, ludiche e didattiche. Lo scopo è di farlo diventare un grande attrattore turistico sul modello dei grandi parchi della scienza sparsi in Europa e nel resto del mondo.

Dall’incontro, infine, è emersa anche la volontà di coinvolgere il sistema universitario “affinché la Campania si specializzi sempre più nella ricerca d’avanguardia per le tecnologie micro e nano satellitari, in quanto il comparto aerospaziale- ha concluso il governatore- sarà uno dei settori qualificanti della nuova Regione Campania”.

di Carmen Credendino – Giornalista Professionista

carmen credendino

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»