Migranti, assegnato un ‘porto sicuro’ a Sea Watch : “A bordo 455 naufraghi, andiamo a Trapani”

sea-watch
"Le persone a bordo della nostra nave hanno dei diritti e devono essere rispettati. Hanno bisogno di un porto sicuro, e ne hanno bisogno ora"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ci stiamo dirigendo verso Trapani, il porto sicuro assegnato dalle autorità italiane a Sea-Watch 4. Le persone che abbiano soccorso sono molto provate ma felici di sapere che presto potranno sbarcare”. Così fanno sapere in un tweet i responsabili della nave di ricerca e soccorso Sea-Watch 4, che negli ultimi giorni hanno condotto sei operazioni di salvataggio nel Mediterraneo centrale, arrivando ad ospitare a bordo 455 naufraghi.

L’APPELLO DI SEA WATCH: 455 NAUFRAGHI A BORDO, FATECI SBARCARE

Le condizioni su Sea-Watch 4 sono difficili, fa freddo, tira vento e le onde alte bagnano i naufraghi. Però c’è solidarietà a bordo e ci si aiuta l’un l’altro. Essere scampati alla morte in mare e alla cattura dei libici dà forza e speranza. Speriamo di poter sbarcare presto“. Così scrivono in un tweet i responsabili della nave di ricerca e soccorso, che sabato faceva sapere sempre su Twitter: “Sesto salvataggio della Sea-Watch 4 in 72 ore. Abbiamo soccorso 51 persone su una barca di legno con doppio ponte. Dopo i due salvataggi delle ultime ore, a bordo della Sea-Watch 4 ci sono 455 persone che hanno bisogno e diritto di sbarcare il prima possibile in un porto sicuro”.

Ieri, il portavoce della nave ha lanciato un appello in un video: “Abbiamo oltre 450 persone a bordo. Persone a cui l’Europa non lascia altra via di fuga che rischiare la vita nel Mediterraneo”. Quindi ha aggiunto: “Non stiamo chiedendo un favore, i diritti umani non sono un favore né un atto di carità. Le persone a bordo della nostra nave hanno dei diritti e devono essere rispettati. Hanno bisogno di un porto sicuro, e ne hanno bisogno ora”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»