Bernaudo (Sos partita Iva): “Il Governo riduca tasse e burocrazia”

"Una sola cosa chiediamo allo stato", spiega: ridurre "drasticamente pressione fiscale, carico burocratico"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BernaudoROMA  – “Il governo annuncia ‘risposte anche per le partite Iva’? Noi il giochetto lo abbiamo capito a suo tempo”. Lo scrive su facebook il leader di ‘Sos partita Iva’ Andrea Bernaudo, commentando l’annuncio del presidente del consiglio Matteo Renzi su un sostegno del governo alle partite Iva. E aggiunge: “Le partite Iva sono circa 4 milioni e questi signori che fanno la spola a Palazzo Chigi in qualità di rappresentanti dei lavoratori autonomi rappresentano al massimo se stessi e i loro interessi e privilegi, non certo noi che li consideriamo parastato”.

Inoltre, “noi denunciamo da tempo il tentativo di sindacalizzare le partite Iva”. Infine, secondo noi si tratta di “un’operazione politica opposta a quella a cui puntiamo noi ed il contrario di quello che serve agli autonomi. “Noi, al governo”, prosegue, chiediamo solo di “fare il suo lavoro e far funzionare asili nido, scuole, ospedali e uffici pubblici. Al resto ci pensiamo da soli, del resto abbiamo scelto libertà ed autonomia. Una sola cosa chiediamo allo stato”, ridurre “drasticamente pressione fiscale, carico burocratico“. Poi, “vogliamo esser sganciati dall’Inps per avere restituita la libertà di scelta in materia previdenziale. Noi vogliamo in sintesi meno stato e più libertà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»