Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | ‘Pizza al coronavirus’, lo spot della tv francese fa infuriare il governo: “Pretendiamo scuse”

Lo spot di Canal+ scatena la reazione della ministra Bellanova: "I nostri prodotti sono sicuri"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://www.facebook.com/groland/videos/188635545750189/

ROMA – “Il video andato in onda in Francia durante una trasmissione di Canal+ e’ vergognoso e raccapricciante“. Lo scrive su facebook Teresa Bellanova, ministra per le politiche agricole.

“Davanti al momento di crisi e difficolta’ che non solo il nostro Paese ma l’Europa intera sta affrontando- aggiunge-, media e televisioni dovrebbero informare i cittadini, raccontando la verita’. Basterebbe quello. Invece si sceglie di denigrare un intero Paese. Questa non e’ satira, e’ un’offesa ad un’intera nazione, e’ una evidente mistificazione dei fatti. È il populismo fatto immagine. Si mandano in onda fake news per diffondere paura, dividere, creare barriere ma anche legittimare la concorrenza sleale”.

“Noi non ci stiamo- dice ancora-. Ed il coronavirus, come ribadito piu’ volte dalle autorita’ europee ed internazionali, non si trasmette tramite cibo. I nostri prodotti sono sicuri, di altissima qualita’, e lo certificano i controlli che effettuiamo ogni giorno, fra i piu’ stringenti al mondo. Ho attivato i canali diplomatici per segnalare il contenuto mandato in onda e capirne genesi e portata. Nel frattempo, mi aspetto che Canal+ lo ritiri immediatamente e si scusi. Non con me, ma con i 60 milioni di cittadini italiani, lavoratori, imprenditori, produttori, che, con il loro video disgustoso, sono stati offesi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»