Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ecco i tredici giornalisti selezionati per il ruolo di capo ufficio stampa della Camera

A quanto si apprende i giornalisti selezionati per la fase finale sono Francesco Bongarrà, Tullio Camiglieri, Luisa Cordova, Claudio Giua, Daniela Hamaui, Vincenzo La Manna, Stefano Menichini, Lucio Palazzo, Roberto Petrini, Guido Romeo, Alessandra Quattrocchi, Andrea Sarubbi, Ubaldo Casotto.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
L. Boldrini
L. Boldrini

Ecco i tredici giornalisti che arrivano alla fase finale della selezione per capo ufficio della Camera. Oggi la scrematura decisiva da parte dell’Ufficio di comunicazione che ha svolto le fasi preliminari della manifestazione di pubblico interesse indetta dall’amministrazione di Montecitorio. Dai 270 candidati iniziali si e’ passati in una prima fase a 30 curricula, oggi a 13.

A quanto si apprende i giornalisti selezionati per la fase finale sono Francesco Bongarrà, Tullio Camiglieri, Luisa Cordova, Claudio Giua, Daniela Hamaui, Vincenzo La Manna, Stefano Menichini, Lucio Palazzo, Roberto Petrini, Guido Romeo, Alessandra Quattrocchi, Andrea Sarubbi, Ubaldo Casotto.

Nelle prossime ore la scelta decisiva, rispetto alla quale non sono mancate le polemiche. Renato Brunetta di Forza Italia, tra gli altri, ha chiesto che la “competizione sia vera” e che la scelta avvenga sulla base dei curriculum.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»