Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

No agli spostamenti a Natale, sui social scoppia la polemica: spopola #congiuntifuoricomune

Nel prossimo dpcm si prevede lo stop alla mobilità fuori Comune nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il dpcm di Natale non è ancora stato firmato dal premier Conte, ma sta già suscitando molti malumori.  Dalla riunione di governo coi capidelegazione dei partiti (Franceschini, Bonafede, Bellanova, Speranza), conclusasi nella notte, è emersa infatti la volontà di impedire gli spostamenti fuori Comune nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno.

LEGGI ANCHE: Speranza: “Limitazioni e rigore durante le Feste, a gennaio vaccino gratis”

Prevale la linea dura sugli spostamenti: a Natale e Capodanno non si potrà uscire dai Comuni

LA PROTESTA SUI SOCIAL

“Lo sapete sì che esistono comuni da 2 milioni di abitanti e comuni da 1000 svegliatevi”, scrive un utente su Twitter contestando la possibile direttiva del Governo. “Facciamo sacrifici adesso per essere liberi a Natale e poi blocchi gli spostamenti a Natale. Ridicolo”, scrive un secondo. A legare i messaggi di protesta l’hashtag #congiuntifuoricomune, diventato in breve tempo tendenza sul social network. “Il nuovo Dpcm è egoista: decido di trascorrere il Natale da fuorisede per tutelare la salute di mia nonna anziana, ma non posso far visita al mio partner nella mia stessa Regione”, scrive un’altra utente sottolineando gli sforzi fatti per evitare il diffondersi del contagio, non ripagati. “#Dpcm o no, io lunedì andrò dalla mia ragazza.Tanto vedo che ognuno fa il cazzo che vuole e di rispettare regole idiote mi sono anche stufato”, protesta una quarta voce.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»