Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rianimazione letteraria, in corsia arriva Stefano Benni

Proseguono le iniziative culturali all'interno dell'ospedale di Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

la_bottiglia_magica_benniBOLOGNA – Proseguono le iniziative culturali all’interno dell’ospedale di Ravenna per la Rianimazione letteraria e domenica arriva lo scritto Stefano Benni. Prima però, domani, alle 10 all’interno della biblioteca dedicata a Enrico Liverani, saranno presenti gli studenti e i docenti della 4 A del Liceo Classico di Ravenna per raccontare ai presenti l’importante esperienza realizzata di alternanza scuola-lavoro intrapresa nelle scorse due settimane all’interno della biblioteca Domenica invece alle 15.30 nell’Aula magna dell’ospedale la rassegna “Rianimazione letteraria di poesia intensiva” che da un anno si impegna a rendere più lievi le domeniche dei degenti, personale ospedaliero e cittadini, ospiterà Benni.

In una chiacchierata con Livia Santini, ideatrice della rassegna, ripercorrerà i 40 anni della carriera di scrittore toccando via via i temi cari a Benni e al suo pubblico, spaziando fra i suoi testi fino all’ultimo uscito, “La bottiglia magica”. L’ingresso è libero e aperto a degenti, personale ospedaliero e cittadini. I posti a sedere saranno garantiti per i degenti e personale medico, ma l’iniziativa è aperta come sempre ai cittadini che vorranno incontrare Benni. Tutto ciò fino ad esaurimento posti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»