Il segretario Valentini al Consiglio ministeriale dell’Osce di Belgrado

[caption id="attachment_18570" align="alignleft" width="300"] Il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Il segretario di Stato agli Esteri, Pasquale Valentini
Il segretario di Stato agli Esteri, Pasquale Valentini

SAN MARINO – Le nuove sfide per la sicurezza in Europa saranno al centro del 22esimo Consiglio ministeriale dell’Osce, l’organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, che si aprirà domani a Belgrado, in Serbia. A rappresentare San Marino sarà il segretario di Stato per gli Affari esteri, Pasquale Valentini, accompagnato dal direttore degli Affari politici, Federica Bigi, e dall’ambasciatore Elena Molaroni.

Nella due giorni di lavoro, come spiega una nota di Palazzo Begni, i ministri saranno chiamati a impegnarsi in una discussione costruttiva sui temi dell’estremismo violento e della radicalizzazione che conduce al terrorismo, sulla solidarietà e la cooperazione, e sul ruolo dell’organizzazione nella de-escalation dei conflitti protratti, in particolare quello ucraino.

Il presidente in carica dell’Osce, Ivica Dacic, ministro degli Esteri e vice primo ministro serbo, auspica che da Belgrado possano diramarsi “messaggi positivi- conclude la nota istituzionale- a riconferma dei principi dell’Osce e degli impegni già intrapresi, allo scopo di migliorare la sicurezza nella regione europea, rinvigorire l’organizzazione e fare fronte alle minacce crescenti del terrorismo, così come alle sfide della migrazione di massa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»