A Bologna stop ai posti moto in via Zamboni: “Rovinano la bellezza dei portici”

Gli stalli per la sosta lungo via Zamboni- usati soprattutto dagli studenti- saranno cancellati. Ne arriveranno di alternativi in zia Petroni e largo Respighi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Eliminare i parcheggi per gli scooter in via Zamboni servirà a valorizzare la bellezza dei portici. “Credo che anche gli studenti ne siano consapevoli”. Così il sindaco di Bologna, Virginio Merola, spiega la decisione assunta ieri dalla Giunta comunale di cancellare gli stalli per la sosta delle due ruote nella parte alta di via Zamboni, di fianco alla chiesa di San Giacomo e proprio di fronte alla Facoltà di Giurisprudenza. Un provvedimento che accompagna la definitiva pedonalizzazione della vicina piazza Rossini.

 

“E’ un altro passo avanti per la bellezza della nostra città e per usufuirla in modo più adeguato, che è quello che merita”, dice il sindaco a proposito della piazza. Quanto a via Zamboni, “la liberiamo dai motorini perchè c’è il progetto ‘Portici per l’Unesco’– spiega Merola- ed è bene, visto che c’è anche la ristrutturazione della chiesa di San Giacomo e dei portici stessi, far comprendere che è una zona di rispetto che va salvaguardata in tutta la sua bellezza”.

E siccome quegli spazi di sosta sono utilizzati soprattutto dagli studenti universitari, aggiunge il sindaco, “credo che siano consapevoli anche loro che bisogna fare ognuno la propria parte per tutelare questa bellezza. Comunque gli stalli alternativi ci saranno“, assicura Merola. Quelli tolti infatti saranno recuperati nelle vicinanze, in via Petroni e largo Respighi.

Il rendering di piazza Rossini pedonalizzata:

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»