Air Italy, Zedda: “Stop licenziamenti e cassa integrazione per 1500 lavoratori”

Lo rende noto l'assessora al Lavoro della Regione Sardegna, Alessandra Zedda, dopo l'incontro di ieri con i rappresentanti sindacali territoriali dei lavoratori, i vertici dell'azienda e i dirigenti del ministero del Lavoro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

CAGLIARI – “Bene il primo passo significativo per il blocco dei licenziamenti e la tutela retributiva dei 1.500 lavoratori di Air Italy, ma si e’ reso necessario chiedere a governo e azienda la garanzia sulla non interruzione della cassa integrazione per i prossimi 10 mesi, in attesa della realizzazione di un piano industriale che dia futuro e prospettive certe alle tante famiglie coinvolte”. Cosi’ l’assessora al Lavoro della Regione Sardegna, Alessandra Zedda, a margine dell’incontro di ieri in videoconferenza con i rappresentanti sindacali territoriali dei lavoratori di Air Italy, i vertici dell’azienda e i dirigenti del ministero del Lavoro, in cui la Regione ha preso l’impegno di dare un’accelerata alla cassa integrazione per i prossimi dieci mesi- provvedimento annunciato dal ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo nei giorni scorsi per sostenere il reddito dei lavoratori– espletando con celerita’ tutte le procedure burocratiche. Nel frattempo sara’ avviato un percorso di politiche attive per la riqualificazione del personale.

“Abbiamo davanti quasi un anno di tempo– spiega Zedda- periodo di proroga previsto per la cassa integrazione, in cui riuscire a costruire un piano industriale serio e leale che parli di rilancio dell’attivita’ e del mantenimento di tutte le professionalita’ che, nell’ambito del trasporto aereo, si sono formate nel corso degli anni. In tempi brevi metteremo in atto tutte le misure a nostra disposizione affinche’ si possano attivare strumenti di politica attiva per mantenere le figure professionali”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»