Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvato un cucciolo di capriolo caduto in una vasca di raccolta acque a Imola

capriolo
I lamenti del giovane animale avevano attirato l'attenzione dei dipendenti di un'azienda, che hanno allertato la Polizia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Pietro Tabarroni

BOLOGNA – Era caduto in una vasca di raccolta acque di due metri di profondità e non riusciva a uscire, ma la Polizia della città metropolitana di Bologna lo ha salvato. Si è conclusa così la disavventura di un giovane capriolo, trovato questa mattina intrappolato in una vasca all’interno di un’azienda di legname dell’imolese. A inizio turno, i lamenti del cucciolo avevano attirato i dipendenti dell’azienda nei pressi della vasca di raccolta, dove l’animale stava annaspando.

I dipendenti hanno subito allertato la Polizia, i cui agenti, giunti sul posto, hanno provveduto al recupero del cucciolo, grazie a una scaletta, a un laccio di cattura e all’attrezzatura fornita dal servizio veterinario della Asl di Imola. Appena recuperato, il capriolo presentava una lieve ipotermia ed è stato quindi asciugato e riscaldato con una coperta di lana e tenuto sotto osservazione. Dopo circa due ore, visto che era di nuovo in buone condizioni di salute, è stato liberato nella zona collinare vicino alla zona industriale di Imola, ed è tornato ai suoi boschi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»