Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Csm, Palamara davanti alla sezione disciplinare: “Mi scuso con Mattarella”

Coinvolto nello scandalo sulle nomine dei vertici di alcune procure, Palamara deposita la sua memoria difensiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Voglio oggi in questa sede rivolgere le mie scuse più sincere e profonde al presidente della Repubblica, nella sua qualità di garante supremo dell’autonomia e della indipendenza della intera magistratura”. Così il pm Luca Palamara nella memoria depositata nell’udienza della sezione disciplinare del Csm chiamata a decidere sulla sua sospensione.

CSM. MEMORIA PALAMARA: MAI FATTO DOSSIER CONTRO IELO

“Non ho mai costruito dossier su Paolo Ielo e mai lo avrei fatto”. Lo ha scritto il pm Luca Palamara nella memoria depositata nell’udienza della sezione disciplinare del Csm chiamata a decidere sulla sua sospensione.

“Su questo punto la mia difesa è in grado di dimostrare che tanto la questione dell’esposto, presentato autonomamente dal dottor Fava, quanto la cosiddetta ‘vicenda Condotte’ si riferiscono, con tutta evidenza, a fatti diversi e temporalmente distanti di un anno rispetto all’indagine che la Procura di Perugia conduce sul sottoscritto”, si legge ancora nella memoria.

CSM. LEGALI PALAMARA PRESENTANO RICUSAZIONE PER DAVIGO E ARDITA

I legali del pm Luca Palamara, Mariano e Benedetto Buratti, hanno presentato un’istanza di ricusazione nei confronti di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita, entrambi membri della sezione disciplinare del Csm per le loro dichiarazioni rilasciate il 4 giugno scorso al Consiglio superiore della magistratura. Per queste ragioni l’udienza di oggi è stata aggiornata al 9 luglio.

“In quella occasione potrebbe essere data risposta alle istanze- hanno spiegato i legali di Palamara- oppure disposto un ulteriore rinvio a dopo l’estate”. Infatti “quasi certamente si arriverà a settembre”, ha detto Mariano Buratti, uno dei due legali di Palamara, al termine dell’udienza durata circa un’ora.

“Oggi è stata una udienza solo su questioni formali, non siamo entrati nel merito che siamo però pronti ad affrontare” ha aggiunto Benedetto Buratti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»