Fisco, Berlusconi: “No tassa su prima casa, successione e prima auto”

[caption id="attachment_221" align="alignleft" width="300"] S. Berlusconi[/caption] ROMA - “Vincere le elezioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
S. Berlusconi

ROMA – “Vincere le elezioni non basta, occorre governare per cinque anni facendo cose buone per l’Italia. Con Lega e con Fratelli d’Italia abbiamo concordato un programma già al 95%”. Così Silvio Berlusconi, in una intervista a ‘Il Mattino’.

“Abbiamo riassunto simbolicamente il nostro progetto in un Albero della Libertà- spiega- un albero che ha le radici nei nostri valori, nei valori cristiani dell’occidente, nella democrazia e soprattutto nella libertà. Noi proponiamo meno tasse (nessuna tassa sulla prima casa, nessuna imposta di successione e nessuna tassa sulla prima automobile), meno Stato (no all’oppressione fiscale, all’oppressione burocratica, all’oppressione giudiziaria), meno Europa con una seconda moneta nazionale, no bail in per le banche, no alle politiche di austerità che ci hanno affossato e sono un frutto miope delle burocrazie europee”.

Inoltre, conclude Berlusconi, “proponiamo una pensione minima di 1.000 euro per tredici mensilità, proponiamo una pensione per le nostre mamme che, dopo una vita di lavoro e di sacrifici, hanno diritto ad una vecchiaia serena e dignitosa. Vorrei si parlasse più di questo e meno dei rapporti fra i partiti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»