Migranti, vescovi Messico: “Impegno contro il muro di Trump”

Le strutture che accolgono i migranti sono al collasso: da un lato gli arrivi continuano ad aumentare, dall'altro influisce il blocco sempre più forte della frontiera con gli Stati Uniti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È il momento di coinvolgersi per assistere questi fratelli che sono tanto abbandonati e discriminati. Nelle case dei migranti i volontari che offrono il loro servizio sono insufficienti, dato che nei centri di accoglienza possono arrivare da 15 fino a più di 300 persone al giorno da accudire. La Chiesa vuole rivolgere un appello a tutta la comunità cattolica: agli studenti, ai lavoratori e agli imprenditori, perché promuovano azioni concrete a beneficio di queste persone”. Lo ha detto, nel corso di una conferenza stampa dedicata all’emergenza migranti, il segretario generale della Conferenza episcopale messicana (Cem) e vescovo ausiliare di Monterrey, monsignor Alfonso Gerardo Miranda Guardiola, secondo il quale “non si può restare a braccia conserte” di fronte al muro che Trump vuole far costruire alla frontiera. “All’inizio di questa Quaresima – ha detto il vescovo – mi permetto di fare eco al messaggio di Papa Francesco, nel quale ci invita a comprendere e intensificare la vita dello Spirito guardando all’altro come a un dono. In questo momento della nostra storia vogliamo mettere in evidenza che siamo in un tempo propizio per guardare al migrante come a un dono di Dio”.

Il segretario generale della Cem ha voluto sottolineare l’impegno che da lungo tempo la Chiesa sta dedicando all’accoglienza dei migranti, attraverso 70 luoghi predisposti sul territorio nazionale, tra case del migrante, ostelli, centri d’accoglienza, mense, ecc. In particolare, si è fatto riferimento all’importante ruolo della case del migrante, dislocate soprattutto alla frontiera nord, alla frontiera sud e nel centro del Paese. Tali strutture offrono un aiuto globale agli stranieri e fungono da coordinamento per un’azione ecclesiale cui prendono parte numerose parrocchie e volontari. Ma oggi, di fronte ai crescenti arrivi e al sempre più forte blocco della frontiera con gli Stati Uniti, dopo l’avvento della presidenza Trump, questi luoghi sono al collasso. “Ringraziamo tutti coloro che stanno operando per i nostri fratelli migranti”, ha concluso mons. Miranda, che ha anche annunciato per le prossime settimane una colletta che avrà l’obiettivo di aiutare i migranti.

www.agensir.it

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»