Cultura. Fondazione Matera-Basilicata2019, Aurelia Sole nominata presidente

MATERA - Il Consiglio di indirizzo della Fondazione Matera-Basilicata2019 ha nominato Aurelia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

materaMATERA – Il Consiglio di indirizzo della Fondazione Matera-Basilicata2019 ha nominato Aurelia Sole presidente del Cda della Fondazione. Lo rende noto il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella. La scelta è avvenuta all’unanimità dei presenti.

   “Con la nomina di Aurelia Sole – afferma Pittella – la Fondazione Matera-Basilicata2019 può contare su una guida autorevole, preparata, non politica e che negli ultimi anni ha seguito da vicino la candidatura di Matera. Inoltre, con questa nomina, la Fondazione potrà nutrirsi più facilmente del ruolo che la Università lucana ricopre sui temi della formazione delle competenze e della innovazione che sono al centro del dossier di candidatura e dei suoi progetti. Ora si apre una nuova pagina per questa sfida che abbiamo davanti e siamo sicuri che il nuovo presidente della Fondazione saprà essere garante dell’unità della regione conciliando le diverse sensibilità che si sono incrociate in questi anni di inteso lavoro. A Aurelia Sole va il ringraziamento di tutta la Regione Basilicata, a partire dai suoi vertici istituzionali, per aver accolto con entusiasmo questo incarico e gli auguri di un buon lavoro”.
In Consiglio di indirizzo ha quindi nominato come vicepresidente Angelo Tortorelli che subentrerà a Aurelia Sole nel caso fosse impossibilitata a partecipare alle sedute del Cda.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»