Tibet, un monaco e un ragazzo si danno fuoco per protestare contro Pechino

Nel 1957 scoppio' una rivolta nel Tibet orientale che si estese a Lhasa nel 1959. Nello stesso anno l'Esercito di liberazione popolare schiaccio' la rivolta e costrinse il Dalai Lama alla fuga
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

monaci tibet

Un monaco buddista tibetano e un ragazzo di appena 16 anni si sono dati fuoco per protestare contro l’occupazione cinese del Tibet e chiedere il ritorno a casa del Dalai Lama, come riferiscono fonti cattoliche. Il religioso e’ morto mentre veniva trasportato in ospedale, il giovane e’ invece sopravvissuto ma ha riportato ustioni gravi sul 95% del corpo. Nel frattempo, il governo nepalese ha rassicurato la Cina che “non permettera’ alcuna protesta” da parte della diaspora tibetana durante il mese di marzo. Questo periodo dell’anno è segnato dalle commemorazioni delle numerose insurrezioni anti-cinesi represse nel sangue dall’esercito di Pechino. Il primo anniversario sensibile risale all’invasione maoista della provincia. Nel 1957 scoppio’ una rivolta nel Tibet orientale che si estese a Lhasa nel 1959. Nello stesso anno l’Esercito di liberazione popolare schiaccio’ la rivolta e costrinse il Dalai Lama alla fuga: il 17 marzo il leader buddista lascio’ il Palazzo del Norbulingka travestito da soldato e scappo’ in India dove costituì il Governo tibetano in esilio.

Nel 1988 e nel 1989, sempre in marzo, centinaia di persone si sollevarono per ricordare i 30 anni dalla repressione maoista. I rivoltosi vennero schiacciati con pugno di ferro dall’allora Segretario locale del Partito, Hu Jintao, che in seguito divenne presidente della Repubblica popolare. Tra l’altro Hu si complimento’ per primo via telegramma con Deng Xiaoping per la repressione di piazza Tiananmen, avvenuta alcuni mesi dopo. L’ultima grande sollevazione è del 2008. Per la prima volta dalla repressione di 20 anni prima, in occasione delle Olimpiadi di Pechino, i monasteri di Lhasa hanno aperto i battenti per commemorare il 49esimo anniversario della fallita rivolta contro l’occupazione delle truppe di Pechino. Tra i 300 e i 400 religiosi, usciti da due dei piu’ grandi complessi di studio e preghiera attorno alla capitale tibetana, hanno sfilato in corteo chiedendo il rilascio di un gruppo di religiosi e laici arrestati e il rientro del Dalai Lama in patria. Anche qui il governo ha reagito con la violenza: ignoto il numero ufficiale di vittime, centinaia gli arresti. Sia il monaco Kalsang Wangdu- del monastero di Retsokha- che il giovane Dorjee Tsering hanno deciso di darsi fuoco per “fare qualcosa” per la causa del Tibet. La morte del religioso porta a 144 il numero delle vittime che si sono auto-immolate dal 2009 per protesta contro la politica cinese nella regione. Da parte sua, il Dalai Lama ha piu’ volte invitato i suoi seguaci a non sacrificare la propria vita ma a “trovare altre forme di protesta”. Tuttavia, Pechino accusa il leader religioso di fomentare questi atti “per il suo tornaconto personale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»