Governo, il Pd resta ottimista: “Al lavoro sul Conte Ter, andiamo avanti”

"Siamo fiduciosi che il lavoro di colmare le distanza sia fatto da chi avrà l’incarico di formare il Governo", dice Graziano Delrio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Noi crediamo che si debba andare avanti nel ricercare un governo e una maggioranza per questo Paese. Abbiamo fatto un buon lavoro, ci sono ancora delle distanze che vanno colmate. Io mi auguro che il presidente incaricato, se ci sarà un presidente incaricato, possa fare questa ultima tappa di avvicinamento”. Lo dice il capogruppo Pd a Senato, Andrea Marcucci uscendo dal tavolo di confronto con la maggioranza a Montecitorio.

Ma il Conte ter resta la vostra soluzione? Marcucci risponde: “Noi oggi lavoriamo su questa ipotesi che è l’ipotesi che è sul tavolo. Dopo il lavoro di oggi, riteniamo ci siano le condizioni per andare avanti”.

“Permangono delle distanze sul programma. Ma siamo fiduciosi che il lavoro di colmare le distanza sia fatto da chi avrà l’incarico di formare il Governo, quindi credo si sia trattato di un lavoro proficuo”. Lo ha detto il capogruppo dem alla Camera, Graziano Delrio uscendo dal tavolo con la maggioranza a Montecitorio.

LEGGI ANCHE:

Crisi di governo, salta l’intesa sul verbale. Boschi: “Restano distanze su contenuti”

Renzi nella chat di Italia Viva: “Crimi non vuole cedere, stanno esagerando”

Governo, De Petris (LeU): “Distanze incolmabili, difficile evitare elezioni”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»