Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fico al Quirinale alle 20.30, nessuna intesa dal tavolo di maggioranza

Fico stasera al Colle: tra i nodi irrisolti quello che riguarda il commissario con l'incarico per la campagna vaccinale Domenico Arcuri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Non c’e’ l’intesa di Italia viva sul verbale che riassume le posizioni al tavolo di maggioranza e che sintetizza l’esito del mandato esplorativo affidato a Roberto Fico. A quanto si apprende da fonti di Italia Viva si è deciso di non fare un verbale né un documento conclusivo. Non c’è stato abbandono da parte di IV del tavolo né la mancata firma. Tutte le forze politiche hanno illustrato a Fico le proprie posizioni.

Si è scelto di non fare un verbale perché restano le distanze sui contenuti. Il nostro lavoro è concluso, il presidente Fico valuterà come procedere”. Così Maria Elena Boschi, lasciando il tavolo del programma.

LEGGI ANCHE: Governo, De Petris (LeU): “Distanze incolmabili, difficile evitare elezioni”

LEGGI ANCHE: Renzi nella chat di Italia Viva: “Crimi non vuole cedere, stanno esagerando”

LEGGI ANCHE: Governo, il Pd resta ottimista: “Al lavoro sul Conte Ter, andiamo avanti”

FICO ALLE 20.30 AL QUIRINALE

Alle ore 20.30 il presidente della Camera Roberto Fico si recherà al Quirinale. Stando a quanto si apprende, il presidente della Camera sta tentando un’ultima mediazione sentendo i vari leader dei partiti di maggioranza.

Il presidente della Camera era arrivato intorno alle 18.00 nella sala della Lupa di Montecitorio al tavolo della coalizione, lasciando la riunione dopo circa un’ora. Il presidente Fico avrebbe dovuto ricevere il verbale dei lavori.

Il tavolo di maggioranza a Montecitorio con la partecipazione di Italia Viva era ripreso e, nonostante le parole di Renzi ai parlamentari (“non c’e’ intesa, non accettano mediazioni”), fonti di maggioranza spiegano alla Dire che i contatti tra i partiti sono in corso e non si sono interrotti.

Tra i nodi irrisolti c’e’ quello che riguarda il commissario con l’incarico per la campagna vaccinale Domenico Arcuri. Si tratta di un mandato voluto dal premier Giuseppe Conte in prima persona, per il quale Italia viva chiede un avvicendamento e una svolta nella campagna vaccinale. “Ma se siamo i primi in Europa per doppio richiamo? Le critiche vanno bene, ma che siano fondate”, e’ il commento che arriva da fonti di governo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»