Renzi nella chat di Italia Viva: “Crimi non vuole cedere, stanno esagerando”

matteo renzi
"Qui lo scontro è altissimo sui contenuti (Mes, infrastrutture, giustizia su tutti) e ovviamente sui nomi. Crimi ha detto che non intendono cedere su nessun nome a cominciare da Bonafede e Azzolina"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Continuiamo a inseguire le mediazioni, come dice Teresa (Bellanova). Ma stanno sinceramente esagerando”. Cosi’ Matteo Renzi, in una chat ai parlamentari renziani.

La barzelletta che non si chiude sul verbale e’ appunto una barzelletta. Qui lo scontro è altissimo sui contenuti (Mes, infrastrutture, giustizia su tutti) e ovviamente sui nomi. Crimi ha detto che non intendono cedere su nessun nome a cominciare da Bonafede e Azzolina. Possono mollare la Catalfo solo se non ci va la Bellanova. E per vicepremier al momento è in ballo Fraccaro con Orlando. Ci aggiorniamo a dopo”. Cosi’ Matteo Renzi in una chat coi parlamentari di Italia viva.

LEGGI ANCHE: Governo, De Petris (LeU): “Distanze incolmabili, difficile evitare elezioni”

RENZI: REGISTRIAMO ROTTURA, PRENDIAMO ATTO DEL NIET

“Bonafede, Mes, Scuola, Arcuri, vaccini, Alta Velocità, Anpal, reddito di cittadinanza. Su questo abbiamo registrato la rottura, non su altro. Prendiamo atto dei Niet dei colleghi della exmaggioranza. Ringraziamo il presidente Fico e ci affidiamo alla saggezza del Capo dello Stato”. Cosi’ Matteo Renzi su twitter.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»