Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Capodanno, Anzaldi: “In Rai brindisi con cocktail rosa, da non credere”

Dopo le polemiche dello scorso anno, anche nel benvenuto al 2017 qualcosa poteva essere migliorato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – “Invece delle bollicine, il brindisi col cocktail rosa. Ma era proprio necessario?” Michele Anzaldi non nasconde lo stupore per il modo in cui la Rai ha deciso di sugellare lo scoccare della mezzanotte. L’anno scorso il Capodanno di Rai Uno era stato contrassegnato dalle polemiche: colpa del conto alla rovescia terminato un minuto prima, e di una bestemmia andata in onda tra gli sms di augurio dei telespettatori. Anche nel benvenuto al 2017, qualcosa poteva essere migliorato.

“A cominciare dal brindisi: possibile che l’Italia debba brindare con un cocktail che sara’ pure buonissimo, ma certamente non si puo’ dire che sia adatto all’occasione? Si brinda con lo champagne. Anzi noi italiani brindiamo con lo spumante. In Rai ne hanno sentito parlare?”, chiede con ironia Anzaldi.

Il Bellini e’ un cocktail a base di Prosecco e purea di pesche, omaggio al pittore Giovanni Bellini. “Ma lo spumante italiano e’ il vino frizzante più venduto al mondo, con oltre 2,7 milioni di ettolitri. Per giunta- aggiunge Anzaldi- quest’anno abbiamo triplicato le vendite di spumante nella ‘rivale’ Francia. E cosa facciamo? Salutiamo l’anno nuovo brindando con il cocktail? Cose da pazzi”.

Evidentemente la Rai ne ha avuto un beneficio in termini di sponsorizzazioni. “Io capisco le ragioni di cassa, ci mancherebbe. Mi chiedo solo come facciano a non bastare alla Rai i 2 miliardi che percepisce dal canone. Con l’inserimento in bolletta si e’ praticamente annullata l’evasione. E allora, almeno al brindisi di Capodanno, facciamo le cose come si deve. I problemi di cassa, in queste circostanze, e’ giusto che se li pongano le piccole tv private. Non possiamo essere l’unica tv pubblica al mondo a brindare al Capodanno senza bollicine. L’Italia non lo puo’ fare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»