NEWS:

Noemi Bocchi lancia la frecciata a Ilary Blasi: su Instagram la ‘risposta’ a Unica

La nuova Lady Totti ha scatenato il gossip con una frase che sembra un chiaro riferimento al documentario-verità della conduttrice

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – In questo primo venerdì di dicembre Noemi Bocchi accende il gossip con una storia Instagram che, secondo i più, sarebbe una frecciata a Ilary Blasi, su Netflix con il documentario-verità sul divorzio da Francesco Totti.

La conduttrice sta spopolando con “Unica”, film in cui racconta dettagliatamente la fine della ventennale storia con l’ex calciatore della Roma. Noemi, suo malgrado, è protagonista della versione presentata dalla Blasi. Oggi è lei stessa a dire la sua e con il suo account scrive: “Non ho tempo per le cose che non valgono niente”. Sullo sfondo una donna, bionda, che stringe tra le labbra una sigaretta.

Nel frattempo, Francesco Totti – che di Ilary avrebbe detto “Faccia e dica quello che vuole” – ha messo un like alla parodia di “Unica” fatta da Fiorello e pubblicata su Instagram. Un gesto che vale più di mille parole.

LEGGI ANCHE: Totti e Noemi pronti per un figlio insieme: l’indiscrezione

LEGGI ANCHE: Fiorello a VivaRai2!: “La figlia di Totti e Noemi Bocchi? Si chiamerà Ripicca”

ILARY BLASI PRONTA AD ALTRE CONFESSIONI A VERISSIMO

Il botta e risposta velato, più o meno, però, non è finito qui. Ilary Blasi sarà ospite di Verissimo domenica 3 dicembre. L’ultima volta aveva smentito le voci di una rottura del matrimonio con Totti proprio ai microfoni di Silvia Toffanin. E ora si aspettano nuove scintille. “In esclusiva tutta la sua verità per la prima volta in tv”, si legge nella didascalia social che accompagna il promo.

Confessioni che, secondo Alfonso Signorini (ospite a Verissimo sabato 2 dicembre), dovrebbero rimanere riservate: “Al di là di chi abbia o meno ragione- scrive il direttore di Chi- al di là del fatto che sarebbe più logico deporre nelle opportune sedi giudiziarie, resto del parere che i panni sporchi si lavino in famiglia. Certo ‘pecunia non olet’, ma in fondo, se tutti fossero così sobri ed eleganti, con che cosa riempiremmo le pagine dei giornali e i palinsesti televisivi?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail