Coronavirus, Berlusconi: “Un nuovo lockdown sarebbe una catastrofe, ma decidano gli esperti”

Il leader di Forza Italia: "Se il governo ci avesse ascoltato non saremmo in questa situazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un nuovo lockdown generalizzato “sarebbe una catastrofe”. Cosi’ Silvio Berlusconi in un’intervista a ‘Libero’, che poi esorta comunque ad affidarsi ai tecnici, perche’ “solo loro possono valutare come combattere al meglio questo virus subdolo e tremendo”.

E continua: “Se il governo ci avesse ascoltati non saremmo in questa situazione… Comunque una regola dovrebbe essere chiara: non si chiude nessuna attivita’, se non si risarcisce in tempi certi chi la svolge”.

Infine una staffilata al governo: “Non e’ il momento delle recriminazioni”, dice Berlusconi, ma “verra’ anche il tempo nel quale dovremo chiedere conto delle responsabilita’, che non sono poche, malgrado le circostanze siano obbiettivamente eccezionali”.

E “una responsabilita’ imperdonabile- conclude il leader di Forza Italia- e’ quella di aver continuato a rifiutare i soldi del MES facendoci trovare di nuovo impreparati con le strutture sanitarie sull’orlo del collasso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»