Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Piemonte offre fino a 40.000 euro a chi va a vivere in montagna

persona montagna
La Regione stanzia contributi per chi acquista un immobile in una località montana con meno di 5.000 abitanti e va a viverci per almeno dieci anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TORINO – Contributi fino a 40.000 euro per chi acquista un immobile in una località montana del Piemonte con meno di 5.000 abitanti con lo scopo di andare a viverci. È stato pubblicato oggi, sul sito della Regione Piemonte, un bando che stanzia un totale di 10 milioni di euro ed è attivo in tutta Italia.

In regione l’intervento interesserà 465 Comuni montani, e consentirà di accedere a contributi da 10.000 a 40.000 euro per chi trasferirà la propria residenza in una di queste località e “la renderà propria dimora abituale per almeno dieci anni“. I fondi saranno assegnati secondo un punteggio che favorirà i più giovani: anche se potranno presentare domanda tutti i nati dopo il 1955, chi è nato dopo il 1980 riceverà un punteggio più alto.


Punti aggiuntivi saranno garantiti anche a chi sceglierà Comuni particolarmente remoti come nuova residenza, a chi ha un figlio di età di 10 anni o inferiore che vivrà in montagna e a chi svolgerà un lavoro nel paese montano in cui prende residenza o almeno al 50% in smart working dalla sua nuova residenza. Altre premialità saranno garantite a chi effettuerà recuperi delle abitazioni secondo le soluzioni architettoniche e paesaggistiche previste dalla Regione Piemonte, con materiali tipici del paesaggio alpino, o se i lavori saranno affidati a una ditta con sede in un Comune montano piemontese.

Questo non sarà l’unico bando della Regione Piemonte volto a incentivare il ripopolamento della montagna: in autunno arriveranno i contributi per le ‘botteghe dei servizi’, volti a sostenere le attività commerciali che offrono servizi alle comunità montane.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»