Villani: “Nella scuola primaria via mascherine se seduti al banco e a distanza”

"Necessaria anche adeguata aerazione"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Al di la’ di quelli che sono i pareri scientifici contano anche le valutazioni politico-organizzative. L’idea e’ di far si’ che nella scuola primaria, in una posizione di staticita’ sicura e quindi nel rispetto di tutte le regole, come il distanziamento dei banchi e l’aerazione della stanza, sara’ possibile non indossare la mascherina”.

A dirlo e’ Alberto Villani, presidente della Societa’ italiana di pediatria (Sip) e membro del Comitato Tecnico Scientifico del ministero della Salute, intervistato da Rainews24 sulla questione dell’utilizzo della mascherina in classe.

Per ‘staticita’ sicura’ Villani ha poi specificato alla Dire che e’ da intendersi “seduti al banco ad almeno un metro di distanza”. Sulla questione delle mascherine il pediatra ha anche ricordato come “il Cts si sia espresso piu’ volte e in maniera chiara indicandone l’uso negli ambienti chiusi e quindi anche a scuola dai 6 anni in su”.

In una nota ufficiale diramata ieri il Comitato tecnico scientifico ha, infatti, ribadito “l’importanza dell’uso delle mascherine come gia’ espresso nel documento tecnico sulla scuola del 28 maggio 2020 e incluso nel Piano Scuola 2020-2021”, specificando poi che “nell’ambito della scuola primaria, per favorire l’apprendimento e lo sviluppo relazionale, la mascherina puo’ essere rimossa in condizione di staticita’ con il rispetto della distanza di almeno un metro e l’assenza di situazioni che prevedano la possibilita’ di aerosolizzazione (es. canto)”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»