“Orientamento religioso: antisemita”, è bufera sul consigliere leghista

Il friulano Stefano Altinier ha poi modificato la sua pagina facebook, cancellando l'indicazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Stefano Altinier, consigliere comunale della Lega a Gorizia, sul suo profilo Facebook aveva indicato “antisemita” quale suo “orientamento religioso”. Il commento era stato poi cancellato, ma il web non perdona e diversi utenti avevano già fatto lo screenshot (quello in foto è tratto dalla pagina facebook I sentinelli di Milano).

“Non è giustificabile che un consigliere comunale della Lega di Gorizia si dichiari pubblicamente ‘antisemita’: certe cose non si scrivono per caso o per sbaglio. Ipocrita e pericolosa la sostanziale copertura data dai vertici del Carroccio al loro consigliere: definirsi ‘antisemita’ non può essere giudicato una ‘leggerezza’ commessa da un ‘ragazzo mite’. Su questi temi occorre una condanna chiara, inequivocabile, non ambiguità retoriche o dal sapore giustificazionista”, hanno commentato le parlamentari dem Debora Serracchiani e Tatjana Rojc, a proposito di quanto scritto da Stefano Altinier.

Per Serracchiani e Rojc “fa orrore che questo episodio si sia verificato a Gorizia, una città dove la comunità ebraica, che nella sua storia aveva espresso illustri personalità, è stata di fatto totalmente sterminata dai nazifascisti”.

“Occorre davvero che tutte le forze politiche – aggiungono le parlamentari – prendano una posizione esplicita di condanna contro ogni focolaio di intolleranza religiosa o etnica. Non dimentichiamo che risalgono a pochi mesi fa i manifesti neofascisti affissi di notte al muro delle scuole slovena di Gorizia, dal gruppo giovanile di CasaPound”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»