Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nomine Rai, Marcello Foa bocciato in Vigilanza

Era richiesto il quorum dei due terzi, 27 componenti della commissione.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Non ce la fa Marcello Foa in commissione di Vigilanza Rai. Il presidente indicato dal Cda raccoglie solo 22 voti, su 40, e un astenuto. Non hanno votato in 17. Era richiesto il quorum dei due terzi, 27 componenti della commissione.

I commissari in vigilanza Rai di Pd, Forza Italia e Leu non hanno ritirato la scheda per la votazione del presidente.

Cosa è successo ieri

Il nuovo Consiglio di Amministrazione Rai si è insediato in Viale Mazzini sotto la Presidenza del Consigliere anziano Marcello Foa, nominato dal Ministero dell’Economia. Erano presenti i Consiglieri Fabrizio Salini, nominato sempre dal Mef, Rita Borioni, Beatrice Coletti, Igor De Biasio, Giampaolo Rossi, eletti dal Senato e dalla Camera dei Deputati, e Riccardo Laganà, eletto dai dipendenti Rai.

I Consiglieri hanno nominato con il voto contrario del consigliere Rita Borioni e l’astensione del Consigliere Riccardo Laganà come Presidente del Cda Marcello Foa che ha lasciato la Sala del Consiglio al momento della votazione. Il Consiglio ha successivamente nominato Amministratore delegato dell’azienda Fabrizio Salini come da indicazioni del Ministero dell’Economia.

Ora Foa deve comunque affrontare il voto finale e decisivo per il suo mandato di presidente, quello della commissione di Vigilanza.

Pronti a dare contro al nuovo presidente della Rai ci sono Pd e Leu che fanno un appello a Forza Italia: “La maggioranza M5S-Lega deve imparare che ci sono limiti invalicabili. Il presidente della Rai deve essere un nome di garanzia per tutti, come espressamente impone la legge. Per questo invitiamo le forze di opposizione e specificatamente Forza Italia, a valutare la possibilità di non partecipare al voto della Vigilanza, che il governo ha colpevolmente considerato scontato. Per queste ragioni Marcello Foa non può essere un presidente di garanzia della Rai”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»