A Bologna i ciclisti vogliono dossi frena-auto sui colli

La proposta della Consulta della Bicicletta arriva nel giorno della commemorazione di Matteo Prodi, il 18enne morto in bici sui colli il 27 febbraio scorso
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Cuscini berlinesi sulle strade dei colli per renderle più sicure a pedoni e ciclisti. La proposta arriva dalla Consulta comunale della Bicicletta, nel giorno della commemorazione organizzata dai ciclisti per Matteo Prodi, il 18enne morto in bici il 27 febbraio scorso. Una bici bianca è stata collocata ieri all’incrocio tra via di Barbiano e via degli Scalini, il luogo dello scontro con un’auto che è stata fatale al ragazzo, nipote dell’ex premier.

Partito dalla velostazione Dynamo, ieri un corteo di oltre 200 ciclisti ha attraversato la città in bicicletta fino al luogo dell’incidente, dove è stata posata una “ghost bike” commemorativa. “Ogni volta che qualcuno muore di morte violenta sulle nostre strade, è un lutto. Per chi lo amava e per tutta la società civile che non riesce a garantire equamente il diritto a spostarsi in modo sostenibile in sicurezza”, ha dichiarato Simona Larghetti, presidente della Consulta della bicicletta.

“Quando muore un ragazzo di 18 anni- sottolinea Larghetti- sentiamo anche il peso di un tremendo fallimento: una comunità che non riesce a dare futuro ai propri figli, manca il suo primo obiettivo. Ci stringiamo con tutto il nostro dolore nel ricordo di Matteo e intorno alla sua famiglia, agli amici e alle amiche, come attivisti e come cittadini”. Di qui la “necessità di mettere in sicurezza le strade dei colli sempre molto frequentate da pedoni e ciclisti, soprattutto ora dopo la fase di ripartenza dalla pandemia con la gente che cerca spazi aperti e verdi dove andare a camminare e correre”. 

Quelle strade, sottolinea ancora Larghetti, “sono percorse troppo spesso a velocità eccessiva dai mezzi a motore, rendendo molto pericoloso l’incrocio improvviso con i più lenti pedoni e ciclisti”. La soluzione per la Consulta è dunque “l’installazione di rallentatori di velocità”, dossi artificiali “tipo i ‘cuscini berlinesi’ che permettono a chiunque di passare, ma costringendo a rallentare”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»