Sanità, Magi (Omceo): “Enpam ente solido, apriremo di più ai giovani”

Il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, guiderà la Fondazione per il quinquennio 2020-2025
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Mantenere una gestione oculata dell’ente, aprire ai giovani il più possibile, ma anche battersi affinché il governo non tassi due volte i soldi della previdenza. Su queste direttrici si muoverà la Fondazione Enpam nei prossimi cinque anni. A spiegarlo, all’agenzia Dire, il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, scelto sabato scorso, dall’Assemblea nazionale dell’ente, tra i componenti del nuovo Cda che guiderà la Fondazione per il quinquennio 2020-2025. Alla presidenza è stato rieletto Alberto Oliveti.

“Il lavoro fatto dall’Enpam in questi anni ha portato a notevoli profitti- ha sottolineato Magi-. Il capitale è stato ben gestito e questo ha permesso di garantire non soltanto le attività di natura pensionistica-previdenziale, ma anche quelle assistenziali. In periodo di emergenza Covid, abbiamo sostenuto tanti colleghi in difficoltà riuscendo a risolvere problematiche al posto del governo, che per alcune categorie di medici non ha previsto nulla. Adesso è importante continuare con una gestione oculata per garantire la stabilità dell’ente. Oggi siamo in grado di erogare pensioni per cinquant’anni anche se non entrasse un contributo”.

Il presidente dell’Omceo Roma ha poi sottolineato che tra gli obiettivi dei prossimi anni “c’è quello di aprire ai giovani e aiutarli il più possibile. Dobbiamo dare continuità a quanto fatto finora ma anche avere uno slancio maggiore. Ricordo che oggi possono iscriversi all’Enpam anche gli studenti del quinto e sesto anno di Medicina”. Sullo sfondo, però, resta un vulnus con il governo.

Chiediamo come ente che i soldi della previdenza non vengano tassati due volte. Siamo l’unico Paese in Europa in cui questo accade- ha concluso Magi- L’Iva per noi è un costo, non una detrazione. Vogliamo adeguarci agli altri Paesi, non continuare a vivere con questa particolarità”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»