Venezia, Brugnaro: “Toninelli oltraggia la città”

Il sindaco di Venezia attacca anche il ministro dell'ambiente Costa: "Inizio ad avere perplessità, mi sembra che non stiano facendo nulla"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Toninelli è un caso a parte del governo, non darei il giudizio che do a lui al resto del governo”, ma “se lo chiedete al sindaco di Venezia dico che la città da questo ministro è stata veramente oltraggiata”. Lo afferma primo cittadino di Venezia, Luigi Brugnaro, parlando con la stampa a margine della conferenza stampa di presentazione della lettera di indirizzo che il Comune invierà alla commissione Unesco nelle prossime ore.

“Nel governo ci sono tante persone con cui mi piacerebbe dialogare di piu, penso al ministro della Cultura, con cui francamente parlo poco, ma mi sembra una persona moderata. Spero che ascolti e che voglia sentire, c’è un tema sulla Soprintendenza e sul vincolo su cui noi ci siamo opposti (sul canale della Giudecca, ndr.), più che altro perché non capiamo quale sia l’utilità di altri vincoli”. E “c’è il tema del rinnovo del presidente della Biennale, su cui non mi ha chiesto nulla, per cui immagino che voglia fare da solo”. Ma detto questo,”c’è ancora grande credibilità da parte mia”, prosegue il sindaco.

Diverso il discorso per il ministro all’Ambiente Sergio Costa, su cui “inizio ad avere delle perplessità. Mi sembra che non stiano facendo nulla. Noi avanziamo parecchi soldi, sono scritti nel Patto per Venezia, piu di 270 milioni di cui 70 milioni erano pronti e dovevano arrivare per finire i marginamenti”, ricorda Brugnaro.

“L’inquinamento non si risolve con le parole ma con i soldi. Con il governo precedente avevamo organizzato tutto, è arrivato questo e ha fermato tutto. Io, per carità, posso capire anche che ci voglia un anno per rodare, ma dopodiché cosa devo dire alla città? Cioè l’ambiente, lo dico ai giovani, si risolve tirando fuori i soldi. Ci vogliono i soldi per fare l’ambiente, ci vogliono i soldi per fare le mostre, ci vogliono i soldi per vincere gli scudetti”, ironizza il sindaco che poco più di una settimana fa ha visto la sua Reyer diventare campione d’Italia.

“Per quanto riguarda Toninelli, il caso è a parte. Direi che è quasi patologico”. Insomma, “cosa L’Italia voglia pensare di Toninelli lo chiederemo agli italiani. Sinceramente se lo chiedete al sindaco di Venezia dico che la città da questo ministro è stata veramente oltraggiata”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»