Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Covid ferma il Palio di Siena (anche quest’anno)

palio di siena
Il Consiglio comunale ha annullato la manifestazione del 2 luglio, in forse anche quella del 16 agosto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Siena rinuncia al palio del 2 luglio e probabilmente dovrà fare a meno anche di quello in onore della Madonna dell’Assunta del 16 agosto, causa persistenza dell’emergenza Covid. Per il secondo anno consecutivo. Il Consiglio comunale approva con 22 voti a favore e la non partecipazione al voto di Pd, Sena Civitas e In Campo la relativa delibera di annullamento della corsa del 2 luglio dedicata alla Madonna di Provenzano. “Questa mattina (ieri, ndr)- spiega il sindaco Luigi De Mossi in un post su Facebook- a seguito dei colloqui con questore e prefetto è stato sempre più chiaro che non vi sarebbe certezza di poter svolgere il palio nelle forme consuete, di vivere liberamente la nostra festa il 2 di luglio”.

Il sindaco ridimensiona molto le aspettative circa le possibilità di tenere almeno la carriera di metà agosto. “La ragione per cui teniamo aperta la finestra per il palio di agosto- spiega- è dettata dal fatto che riteniamo giusto monitorare la situazione alla fine dell’emergenza dichiarata, ovvero quella del 31 luglio. Restano ovviamente delle difficoltà oggettive anche per agosto, ma la decisione sarà definita più avanti, quando il quadro della situazione pandemica sarà più chiaro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»