A Genova la ‘Million Dollar Baby’ dell’inclusione

Imane Kaabour, giovane italiana arrivata dal Marocco, è titolare della "Kbc" (Kaabour boxing center) dove insegna la "nobile arte" del pugilato.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO EMILIA – Con i guantoni da boxe, ma contro la violenza e per l’integrazione.

E’ la storia di Imane Kaabour. Giovane italiana arrivata dal Marocco per ricongiungersi alla famiglia nel 1991 e titolare a Genova della “Kbc” (Kaabour boxing center) dove insegna la “nobile arte” del pugilato.

“Non una palestra- precisa- ma una casa per molte persone perché è così che l’ho voluta”.

Kaabour, di religione musulmana e sposata con un italiano, spiega: “Oltre alla boxe facciamo anche numerose manifestazioni di promozione dell’integrazione gratuita nelle scuole, o, come l’iniziativa ‘la boxe è femmina’ contro le violenze di genere“.

Inoltre “vogliamo sfatare il pregiudizio che chi pratica la boxe è un delinquente, o comunque una persona aggressiva. Tanto è vero che abbiamo corsi anche nella fascia 3-5 anni“.

Nel centro, unico nel suo genere in Liguria, “ci sono ragazzi e ragazze di tutte le origini: cinesi albanesi italiani e marocchini. Ma è questa la questione: quando si presentano in palestra, non chiedo mai loro da dove arrivano, aspetto che me lo dicano loro se ne sentono il bisogno”.

Altrimenti, conclude Kaabour “per me sono solo i miei ragazzi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»