Faroni (Aiop Lazio): “Il dialogo con regione Lazio riparta subito”

ROMA - "E' necessario che il dialogo con la Regione Lazio, riparta subito. Ci sono temi da affrontare con urgenza".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ necessario che il dialogo con la Regione Lazio, riparta subito. Ci sono temi da affrontare con urgenza”. Lo afferma Jessica Veronica Faroni, presidente dell’Aiop Lazio (Associazione ospedalita’ privata). Uno dei temi caldi, questione in parte risolta, e’ relativo ai controlli sulle cartelle cliniche: “Aiop ha avuto particolarmente a cuore negli ultimi anni la questione dei controlli sulle cartelle cliniche che penalizzano esclusivamente la sanita’ privata accreditata. Aiop ha faticosamente dialogato con la Regione per anni, strappando, in materia di controlli, importanti promesse al Presidente della Regione Nicola Zingaretti. É stato un percorso molto faticoso, durante il quale le nostre strutture sono state aggredite pesantemente da un punto di vista economico.

Infatti, il DCA 40 del 2012 ha introdotto forti sanzioni, fino al 1.100%, che nel 2017 il DCA 218 ha solo ridotto parzialmente passando al 700%”, afferma la presidente Faroni. “Finalmente da parte della Regione c’e’ stata la volonta’ di affrontare e risolvere il problema che si e’ concretizzata con l’accoglimento di un emendamento alla finanziaria regionale sui controlli delle cartelle cliniche che ha dato inizio ad una riforma che certamente richiedera’ ancora del tempo per essere completamente compiuta e ci vedra’ ancora a lungo impegnati al fine di rettificare una norma che ancora ad oggi e’ a nostro sfavore”, aggiunge Faroni.

 “Ora per le strutture private accreditate c’e’ la possibilita’ di affrontare il pagamento della sanzione in misura ridotta ad un terzo qualora si paghi entro il termine di 60 giorni dalla notifica della sanzione stessa. Inoltre, e’ stata prevista la possibilita’ di rateizzare l’importo cosi’ determinato sino a 20 mesi”, spiega la presidente Aiop.(
Tutto cio’ grazie al fatto che nella Legge di Stabilita’ regionale 2019 e’ stato presentato un emendamento, poi approvato da parte della Giunta regionale, a firma dell’assessore al Bilancio Sartore e dell’assessore alla Sanita’ D’Amato.

Si tratta del riferimento alla legge nazionale n. 689 del 1981 in materia di sanzioni amministrative, che naturalmente riguarda anche quelle riferite ai controlli: “È solo l’inizio, i controlli per noi tutti sono garanzia di una corretta erogazione delle prestazioni, ma e’ necessario anche tutelare le nostre strutture penalizzate da una normativa troppo stringente e iniqua- spiega Jessica Faroni- Ora e’ necessario che il dialogo riparta su piu’ fronti. Noi siamo sempre al fianco della Sistema Sanitario Nazionale affinche’ questo dia ai cittadini garanzia di cura e tutela della salute”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»