Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ubriachi, accattoni e vandali? La ricetta di Brugnaro è una notte in cella/VIDEO

Per il sindaco di Venezia la gestione della sicurezza urbana dovrebbe essere affidata ai Comuni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Chi dà fastidio, compie piccoli reati o atti di maleducazione va punito, deve passare almeno una notte in cella. Penso a chi si ubriaca, danneggia le opere d’arte, fa accattonaggio“. Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, invoca tolleranza zero e chiede di affidare ai Comuni la gestione della sicurezza urbana, dando al Giudice di pace penale la facoltà di far passare in celle di sicurezza, fino a 10 giorni, spacciatori, molestatori, prostitute, commercianti abusivi e imbrattatori. In conferenza stampa alla Camera, il deputato di Ap-Ncd Andrea Causin presenta il testo che incassa il sostegno di Renato Brunetta e Maurizio Lupi. “L’abuso di alcol e di droghe, l’accattonaggio, i piccoli furti non sono solo indicatori di degrado urbano- spiega il primo firmatario della proposta di legge- ma possono portare a reati più gravi. Le depenalizzazioni non hanno aiutato la sicurezza delle città“. Il capogruppo di Forza Italia Renato Brunetta osserva che questo testo è una “prosecuzione della normativa introdotta dal governo Berlusconi: appoggio il testo e chiederò-assicura – una veloce calendarizzazione”.

Per Lupi la proposta “parte dalla realtà. Dobbiamo dare ai sindaci gli strumenti perché possano fare la loro parte e poi puntare su formazione ed educazione per prevenire questi piccoli reati”. Il primo cittadino di Venezia sottolinea: “Dobbiamo togliere dal cesto le mele marce: chi è ubriaco e molesta le donne, chi imbratta, chi vive di accattonaggio si fa una notte in cella. Ora- spiega- non possiamo fare praticamente niente. Stiamo perdendo il controllo sociale sulle piccole cose e la gente perde fiducia nelle istituzioni”. La proposta di legge prevede che le celle siano in capo al Comune con la permanenze presso la polizia giudiziaria fino a 10 giorni. “Così-spiega Brugnaro- non intasiamo la macchina giudiziaria e i costi sono del Comune che paga le celle e il giudice di Pace, poi chi esce dalla cella paga una cauzione da 500 a 1.500 euro e se ne va per la tua strada”.

di Marta Tartarini, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»