I Kiss al cinema con "Kiss Rocks Vegas" - DIRE.it

Giovani

I Kiss al cinema con “Kiss Rocks Vegas”

ROMA – Una notte soltanto per ammirare la musica dei Kiss sul grande schermo. Arriva, infatti, nelle sale italiane, solo per oggi 31 maggio, “Kiss Rocks Vegas”: una sorta di dossier cinematografico che combina i video dei nove concerti che la controversa band ha tenuto nel 2014 Hard Rock Hotel & Casino di Las Vegas a interviste e filmati esclusivi. Un evento, quindi, esclusivo che ricalca i documentari lanciati nelle settimane passate per raccontare la musica dei Queen e dei Led Zeppelin. Sul sito www.nexodigital.it/kiss-rocks-vegas è possibile trovare la lista di tutti i cinema italiani che parteciperanno a questa “messa in onda” speciale.

kiss

“Venite al cinema e ascoltateci con l’impressionante potere del surround. Vi sentirete come se foste con noi a Las Vegas e non siate timidi ‘Shout it out loud!” , ha detto Paul Stanley, il leader della band, commentando il proprio film. “Siamo tutti tremendamente orgogliosi di questa produzione, cattura davvero una performance unica. – ha continuato Tommy Thayer – Dovete vederci al cinema per provare in pieno quest’esperienza”.

Cento milioni di dischi venduti nel mondo, trenta album d’oro e quattordici di platino, i Kiss sono entrati di diritto nella storia del rock, diventando uno dei gruppi più premiati e influenti del genere.

Famosi anche per il look iconico, i Kiss si formano a New York nel 1973 da Paul Stanley (voce, ritmo chitarra) e Gene Simmons (voce, basso chitarra). I loro live sono la quintessenza del rock teatrale, arricchiti da performance spettacolari con numeri da mangiafuoco, sputi di sangue sintetico, chitarre che sparano fumo, razzi e fuochi d’artificio. Tommy Thayer (chitarra, voce nonché produttore di KISS Rocks Vegas. ed Eric Singer (batteria, percussioni, voce) completano la potente lineup della band.

31 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»