Emilia Romagna

A Bologna Merola dichiara ‘guerra’ alle bici contromano

BOLOGNA – Tolleranza zero per chi guida la bici contromano. Una specifica campagna dei vigili urbani sarà messa in campo a breve, nel nome del rispetto del “senso civico”. Lo annuncia il sindaco di Bologna, Virginio Merola. “Lo diciamo prima- sottolinea- perchè abbiamo bisogno che tutti si adeguino e collaborino. Bologna merita di essere una città civile”.

“Presto- ha detto stamane il primo cittadino a margine di un evento in Città metropolitana- partirà una campagna di molti giorni per fare presente che non si può andare in bicicletta contromano, che non si può sporcare la città e che non si può sostare in doppia fila“. Protagonisti saranno ovviamente i vigili urbani, lodati dal sindaco il loro intervento sul caso Grossi. “Non è il primo caso a cui la Polizia municipale sta lavorando molto bene”, dice.

di Mirko Billi, giornalista professionista


L’ALTOLA’ ALLE BICI CONTROMANO FA LITIGARE IL PD

Nel giorno in cui il sindaco Virginio Merola lancia la campagna contro le bici contromano, è scontro nel Pd di Bologna a Palazzo D’Accursio sulle morti dei ciclisti in strada. Il consigliere comunale Raffaele Persiano si schiera col presidente dell’Osservatorio regionale, Mauro Sorbi, che invoca multe anche per i “ciclisti maleducati”, sui quali finora c’è stato “troppo poco controllo“.

Andrea Colombo

Immediata arriva la replica dell’ex assessore Andrea Colombo. “Basta insinuare questa idea odiosa che è colpa delle vittime- attacca il dem- tutti devono rispettare le regole e vanno multati quando le violano, a prescindere che siano ciclisti, pedoni, auto o scooter. Ce n’è per tutti, non ci devono essere alibi per nessuno”. Anche se, rileva Colombo, “è molto diversa la gravità tra utenti della strada in caso di scontro”. Dunque, afferma l’ex assessore, “le multe vanno bene per promuovere il senso civico, ma per ridurre morti e feriti la priorità del controllo deve andare alle cause principali degli incidenti, ovvero il comportamento dei veicoli a motore”.

COLOMBO: “DEI 5 CICLISTI MORTI SULLA STRADA, NESSUNO ANDAVA IN CONTROMANO”

Insomma, si sfoga, “basta insinuare quest’idea odiosa che è colpa delle vittime. Ricordo che dei cinque ciclisti ammazzati in strada, nessuno andava contromano sotto i portici“. Secondo l’ex assessore, è “pericolosa anche l’equazione secondo la quale più spostamenti equivale a più incidenti”. Per questo, Colombo lancia un appello ai bolognesi perchè non abbandonino le due ruote “per una comunicazione sbagliata. Siamo vicini alla massa critica grazie alla quale sarà più sicuro per tutti andare in bicicletta”. Ma Persiano non si dà per vinto: “Colgo con favore che sindaco e Malagoli abbiano raccolto il mio appello”, dice facendo riferimento alla campagna per il senso civico lanciata oggi dal primo cittadino, che prevede anche più controlli sulle bici contromano.

PERSIANO: TANTE MULTE A SCOOTER E AUTO, NESSUNA AI CICLISTI

In aula, Persiano ha anche espresso solidarietà a Sorbi per “l’aggressione verbale” subita nei giorni scorso, dopo aver diffuso i dati dell’Osservatorio sull’aumento degli incidenti mortali per bici e pedoni, corredato dall’ennesimo appello al rispetto delle regole. “Chiedere più controllo non significa colpevolizzare una categoria, ma salvare vite umane- afferma Persiano- fare attività di lobby in questo caso non è utile alla sicurezza delle persone. Le bici a Bologna raddoppiano, ed è un bene, ma è nostro dovere anche controllarle“. E aggiunge: “Prendo atto con rammarico che non si può fare una discussione laica sul tema dei maleducati alla guida di biciclette. Ma continuerò a fare la mia battaglia. Non è mia intenzione tutelare le lobby dei motociclisti, dico solo che c’è una sproporzione enorme fra le sanzioni a scooter e auto che sono più facili da sanzionare avendo una targa rispetto a quelle elevate ai ciclisti“. Secondo Persiano, tra l’altro, “è falso che all’aumentare del numero dei ciclisti diminuiscono le infrazioni e gli incidenti lo dimostrano i dati di Ferrara”. L’esponente Pd lancia dunque la proposta di una “campagna forte di sensibilizzazione non multando i ciclisti, in una prima fase, ma fermandoli per redarguirli al giusto comportamento“. Infine, incalza Persiano, “ricordo che c’è una donna in ospedale investita da un delinquente in bicicletta. I ciclisti sono altra cosa”.

di Andrea Sangermano, giornalista professionista

30 ottobre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»