AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE liguria

Estate positiva per il turismo in Liguria, a luglio 700.000 arrivi

mare_liguria

GENOVA  – Prosegue il buon andamento del turismo in Liguria anche nella stagione estiva ancora in corso. Secondo i dati forniti dall’Osservatorio turistico regionale e resi noti da Unioncamere, nel mese di luglio sono arrivate in Liguria quasi 700.000 persone segnando un aumento dell’8,46% rispetto allo stesso mese del 2015.

Bene anche le giornate di presenza sul territorio regionale che si sono attestate sui 2,6 milioni con un +4,3% rispetto allo scorso anno. Crescono esponenzialmente gli arrivi nelle strutture ricettive extra alberghiere con un +15,5% e un +5,5% di presenze, mentre per gli alberghi gli aumenti si attestano sul +5,46% degli arrivi e il +3,61% delle presenze.

Sostanziale equilibrio tra turisti stranieri (oltre 345.000) e italiani (oltre 351.000), con i primi che hanno fatto segnare un aumento del 7,23% degli arrivi e del 4,78% delle presenze, mentre per gli autoctoni si sono registrati un +9,69% degli arrivi e un +4,01% delle presenze.

Bene anche i dati consolidati a partire dall’inizio del 2016. Nei primi 7 mesi dell’anno, gli arrivi sono aumentati complessivamente del 3,1% e le presenze del 5,3%. Gli arrivi stranieri hanno sfiorato l’1,2 milioni di persone (+4,89% sul 2015) mentre gli italiani hanno superato la soglia di 1,5 milioni (+1,78%); per quanto riguarda le presenze, le giornate liguri degli stranieri sono state 3,4 milioni (+7,29%), mentre quelle degli italiani hanno superato i 5,1 milioni (+3,98%).

CHI SONO I TURISTI CHE ARRIVANO IN LIGURIA

A preferire la Liguria sono stati soprattutto i turisti delle regioni limitrofe: oltre 550 mila gli arrivi dalla Lombardia dall’inizio dell’anno, pari a 2,14 milioni di presenze, seguono Piemonte ed Emilia-Romagna. Sul fronte estero, si confermano al primo posto i turisti tedeschi con oltre 671 mila presenze (+12,8% rispetto al 2015), seguiti da francesi e svizzeri. Da segnalare anche il forte aumento del mercato indiano (+56%) e una netta flessione di quello cinese (-20,3%).

di Simone D’Ambrosio, giornalista

30 agosto 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988