Raggi: "Se rinviata a giudizio non mi dimetto" - DIRE.it

Lazio

Raggi: “Se rinviata a giudizio non mi dimetto”


ROMA – “Direi di no”. La risposta è netta e non lascia spazio ad interpretazioni: qualora dovesse essere rinviata a giudizio nell’ambito dell’inchiesta che coinvolge il suo ex braccio destro in Campidoglio, Raffaele Marra, la sindaca di Roma Virginia Raggi non si dimetterà. E comunque, specifica, “stiamo parlando in questo momento di una cosa che non e’ attuale“.

Il prossimo 30 giugno Virginia Raggi sarà nell’aula del tribunale, chiamata come testimone della difesa per chiarire il ruolo di Raffaele Marra all’interno del suo ufficio di gabinetto. “Il dovere di testimonianza e’ previsto dal codice e quindi andrò li come previsto da legge”, chiarisce la sindaca di Roma. A darle manforte anche il deputato pentastellato Luigi Di Maio: “E’ una normale procedura, tutti i cittadini se chiamati a testimoniare hanno il dovere di andare. Il nostro codice etico parla chiaro”

LEGGI ANCHE: Virginia Raggi indagata per la nomina del fratello di Marra, lei: “Ho già avvisato Beppe Grillo”

 

 

 

30 maggio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»