Welfare

Povertà, musulmani, migranti e italiani insieme per la Colletta alimentare

martina colletta alimentare“Anche questa mattina stiamo assistendo a una gioiosa festa della carita’ degli italiani che con grande generosita’ continuano a donare la loro spesa per i piu’ poveri, come ci raccontano i volontari degli oltre 11mila punti vendita in Italia. Italiani, ma anche islamici e migranti, insieme, stanno partecipando alla Giornata Nazionale della Colletta Alimentare: una testimonianza di unita’ nella condivisione del bisogno che arriva fino alla Francia, dove nei supermercati di Parigi molti cittadini si sono presentando spontaneamente chiedendo di poter partecipare anche loro come volontari alla Colletta”. Cosi’ Andrea Giussani, Presidente della Fondazione Banco Alimentare, che da 19 anni organizza la manifestazione della Colletta alimentare.

Tra i primi a fare la spesa questa mattina anche il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Maurizio Martina, in un supermercato di Milano. “Contribuire alla lotta alla poverta’ alimentare deve essere un impegno di tutti. Oggi- spiega Martina- si puo’ dare un aiuto concreto importante e voglio ringraziare i 135mila volontari del Banco alimentare per il grande lavoro che fanno tutti i giorni per dare cibo a chi ne ha bisogno. Il Governo e’ al loro fianco: quest’anno abbiamo distribuito 100 mila tonnellate di alimenti agli indigenti proprio col prezioso aiuto degli enti caritativi. Un’azione che portiamo avanti in sinergia con il Ministero del Lavoro per assistere 6 milioni di persone che soffrono di poverta’ alimentare in Italia. I dati ci dicono che la situazione sta migliorando, ma non basta, serve fare di piu’. Stiamo lavorando alla Camera per il rifinanziamento del Fondo nazionale indigenti per aumentare la dotazione a disposizione. Anche cittadini e imprese possono contribuire, ad esempio contrastando lo spreco alimentare che nel nostro Paese vale piu’ di 12 miliardi all’anno”.

“Abbiamo gia’ un meccanismo virtuoso di recupero delle eccedenze che ci consente di salvare dalla distruzione e donare agli indigenti 550mila tonnellate di cibo ogni anno. Entro il 2016- aggiunge il ministro Martina- vogliamo arrivare a 1 milione. Nella manovra abbiamo inserito una norma di semplificazione attesa da anni: ora e’ piu’ conveniente per le imprese donare che mandare in discarica gli alimenti in eccedenza. Questo lavoro si deve completare al piu’ presto con l’approvazione della Legge “SprecoZero” che e’ ora all’esame del Parlamento”.

La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare e’ promossa in tutta Italia dalla Fondazione Banco Alimentare. Piu’ di 135.000 volontari in oltre 11.000 supermercati, invitano a donare alimenti a lunga conservazione che verranno distribuiti a 8.100 strutture caritative (mense per i poveri, comunita’ per minori, banchi di solidarieta’, centrid’accoglienza, ecc. ) che aiutano circa 1.560.000 persone bisognose in Italia, di cui quasi 135.000 bambini fino a 5 anni. Le donazioni di alimenti ricevute in quel giorno andranno aintegrare quanto il Banco Alimentare recupera grazie alla sua attivita’ quotidiana, combattendo lo spreco di cibo, oltre 75.000 tonnellate distribuite quest’anno.

28 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»